Rai 3

La conduttrice

Amore Criminale

in seconda serata per otto puntate

A partire da sabato 14 giugno torna in seconda serata per otto puntate su Rai3 “Amore Criminale”, condotto da Barbara De Rossi.

In Italia ogni due giorni un uomo uccide una donna.  Al Nord come al Sud, in ogni contesto culturale, sociale e familiare. La violenza non conosce differenze geografiche e di ambiente socio-culturale.

Sommerse e umiliate, le storie di queste donne affiorano nelle stanze di un commissariato, di un centro antiviolenza, di un pronto soccorso, nella confessione a un prete, nella confidenza a un’amica. Affiorano nell’incontro con chi non si è tirato indietro e,  in alcuni casi,  le ha salvate.

Nello spirito della TV di servizio, “Amore Criminale” intende raccontare tutto questo, senza edulcorarlo né esasperarlo. Dal 2007 a oggi, più di centocinquanta storie sono state approfondite dal programma. E il format di prima serata segue un registro stilistico ormai ben riconoscibile, cioè articolato secondo una miscela di ricostruzioni di fiction, con attori e materiali di repertorio (foto, giornali, video di famiglia, materiali di tv locali), testimonianzedirette dei principali protagonisti della vicenda (familiari, amici, colleghi, avvocati di parte civile e difensori, forze dell’ordine, magistrati) e  intervistando in studio donne sopravvissute alla brutalità del proprio compagno o marito.

E proprio questa è una delle novità dell’edizione 2014. Sarà dedicata maggiore attenzione alle donne che hanno avuto il coraggio di denunciare i propri aguzzini e uscire dall’incubo di violenze e umiliazioni di ogni genere.  Proprio per sottolineare che ogni donna può cambiare la propria storia.

Barbara De Rossi  per il secondo anno consecutivo  sarà la narratrice del programma. Accompagnerà lo spettatore offrendogli le chiavi interpretative delle storie, sarà una sorte di Virgilio al femminile.

Come nella scorsa edizione, il programma si è avvalso della consulenza dell'avvocato Géraldine Pagano,  esperta di tutela delle donne vittime di violenza e legale di un centro antiviolenza che gestisce alcune case di accoglienza per donne in pericolo di vita. Il suo ruolo è quello di fornire informazioni sulla tutela legale delle donne vittime di violenza maschile e di indicare  modalità concrete di aiuto.

In ogni puntata, un attore di cinema, teatro o televisione (Vincenzo Pirrotta, Ninnì Bruschetta, Corrado Fortuna, Libero De Rienzo, Pierluigi Cuomo e Francesco Pannofino) rappresenterà simbolicamente il punto di vista maschile leggendo una pagina degli atti giudiziari legati alle storie narrate nei filmati di Amore Criminale.
A completare la narrazione in studio saranno proiettate le opere di alcuni fotografi(Ugne Henriko, Anna Di Prospero, Donatella Spaziani, Edward Hopper e Brooke Shaden) che, con i loro scatti, hanno saputo raccontare l’universo femminile in diverse condizioni e situazioni.

E' tra le mura domestiche delle nostre case che tante donne subiscono una violenza da parte di un uomo. In quelle case probabilmente un televisore è acceso. E altrettanto probabilmente racconta di amori e famiglie felici. “Amore Criminale” vuole aprire una piccola crepa in questo muro di silenzio per arrivare alle donne che subiscono violenza, ma anche agli uomini che la perpetuano. Agli altri, alla maggioranza che serenamente vive i propri affetti e cresce i propri figli con la gioia e l’affanno di una vita non sempre facile, “Amore Criminale” vuole dire di non girare lo sguardo. Perché quelle violenze parlano di noi.

Rai.it

Siti Rai online: 847